Giuliano Kremmerz - Opera Omnia
Documenti – Patto Fondamentale

Documenti – Patto Fondamentale

Patto fondamentale di costituzione della Fratellanza di Miriam
20 marzo 1896

1.

La Fratellanza Terapeutica magica di Miriam si occupa esclusi­vamente di medicina occulta, a beneficio dei fratelli iscritti e di tutte le persone sofferenti che sono in loro contatto o che ad essi ricorrono.

2.

La Fratellanza è fondata sull’amore del proprio simile e sulla più trascendentale carità. Accoglie senza domandare alcun compenso tutte le petizioni dei sofferenti e provvede secondo la loro sincerità, ret­titudine e fede.

3.

I.a fratellanza si compone:

1.° — Di un Capitolo Operante Occulto composto di 12 mae­stri e rappresentato da un Delegato Generale con poteri limitati.

2° — Dei Fratelli e delle Sorelle Terapeuti di Miriam che studiano la medicina occulta e la praticano.

3.°— Dei Fratelli e Sorelle Beneficati di Miriam che rap­presentano i direttamente o indirettamente beneficati dalla Fra­tellanza.

4.

Ogni persona onesta può essere ascritta alla Fratellanza sotto il titolo di Fratello o Sorella Terapeuta, inviandone domanda al Delegato Generale del Capitolo Operante.

La domanda deve contenere:

1.° Nome, cognome, maternità e paternità, luogo e data della nascita. Indirizzo al quale intende ricevere le comunicazioni.

2.° Promessa sul proprio onore di adoperarsi sempre a bene­ficio dei sofferenti di mali fisici e morali, senza accettare alcun compenso.

3.° Promessa solenne di mantenere secreti la sede del Capi­tolo Operante, il nome del Delegato generale del Capitolo, i riti, i caratteri, e i mezzi comunicati per il sollievo degli infermi dei quali non si deve mai rifiutare alcuna petizione o domanda di aiuti avvisandone immediatamente il Delegato Generale.

5.

I Fratelli e le Sorelle Terapeuti raccolgono e passano al Delegato Generale le domande degli infermi, i loro cloni, le loro oblazioni, le loro offerte le loro elemosine e attendono alla esatta esecuzione dei riti.

6.

Le spese di amministrazione, di posta, di stampa, di moduli, sono coperte dai doni, dalle oblazioni ed elargizioni spontanee dei fra­telli e sorelle ascritti, siano beneficati e siano terapeuti. Quando le offerte supereranno i bisogni, l’avanzo sarà speso a beneficio della propaganda, dei fratelli infermi e bisognosi, degli orfani e delle vedove dei fratelli poveri; se vi è ammanco il Capitolo Operante Oc­culto provvederà alla differenza.

Il luogo dove risiede il Delegato Generale, si considera come seda del Capitolo Occulto Operante.

7.

Appena pervenuta al Delegato Generale la domanda con le indi­cazioni e promesse solenni di cui al n.° 4, il Capitolo provvederà alla sua accettazione e si comunicheranno al Fratello le norme da seguire.

Oblazioni, offerte, elemosine devono essere spontanee e non con altra intenzione largite che per lo sviluppo della Fratellanza di Miriam, e per il sollievo dei fratelli poveri ed ammalati, per gli or­fani e per le vedove dei fratelli poveri e onesti.

Chi viola le regole di questo patto fondamentale sarà punito con la perdita di ogni beneficio e la radiazione del suo nome dalla fra­tellanza.